DIVENTARE EDUCATORE CINOFILO......la mia storia....

Fare delle proprie passioni un mestiere è il sogno di tutti, e io ci sono riuscita. Le ho sempre seguite le mie passioni: natura, acqua, mare, fiumi, montagna, fotografia e gli animali. Grande passione per gli animali, talmente forte da essere percepita più come un sogno che come qualcosa da poter coltivare o investirci del tempo; cosi si è assopita nel passaggio dall’adolescenza alla vita adulta, trascurata a causa degli impegni, inibita da chi mi diceva di crescere e di pensare a cose concrete.
Fin da piccola passavo ore a osservare il comportamento degli animali in natura e nei documentari alla tv, affascinata cercavo di imitarli, di voler essere come loro, di capire le loro movenze e il loro comportamento. Ringrazio mio nonno per questo, sempre attento a insegnarmi tutto ciò che potevo apprendere dalla natura.
A parte un gatto e un paio di criceti non ho avuto l’opportunità di avere tanti animali domestici da bambina. Ho allevato qualche pulcino di gazza e di stornello trovati caduti dal nido: dopo averli rimessi in salute la parte più entusiasmante era insegnargli a volare; prendevo la bicicletta e andavo ogni giorno nei campi, lontano dai pericoli, li assistevo nei loro primi tentativi di spiccare il volo. Finchè arrivava il giorno in cui orgogliosa, tornavo a casa da sola, perché quel giorno l’uccellino finalmente era volato via.
Da adolescente ho praticato anche equitazione, ma ben presto anche questa passione si è evoluta dal semplice imparare uno sport, a passare molto più tempo di fianco al cavallo che non sopra, osservandolo e cercando di capire le sue esigenze che sicuramente erano diverse dal farsi montare da persone nuove tutti i giorni.
 
Finita l’adolescenza, finito il periodo della spensieratezza, ho iniziato a lavorare come assistente fotografo, per poi diventare fotografa io stessa, un gran bel lavoro anche questo, che negli anni mi ha permesso di mantenermi e andare a vivere da sola. E quale fu la prima cosa a cui pensai nella mia casa? Prendere un animale! Finalmente libera di decidere per me stessa adottai un gatto, perché ritenevo un cane ancora troppo impegnativo.
Alla soglia dei trent’anni mi trasferisco in campagna, casa con giardino….non può esistere casa con giardino senza cane… sicuramente senza pensare a quanto sarebbe cambiata la mia vita ne adotto uno, Nacho, fantastico incrocio Pastore Tedesco.
Tra alti e bassi lo conduco all’adolescenza dove esplodono i problemi (nulla di pazzesco eh…le cose più comuni, ma certi comportamenti proprio non ci arrivavo a capirli, e soprattutto trovavo ingiusto punire fisicamente e moralmente il cane come tutti mi dicevano di fare), intuivo che c’era qualcosa di sbagliato in ciò che facevo, ma non riuscivo ad arrivare alla soluzione da sola. Iniziai a informarmi e cercare una figura professionale che potesse comprenderci e aiutarci.
 
In quegli anni non esistevano educatori cinofili in provincia di Cuneo, i centri cinofili presenti nel cuneese proponevano solo corsi di obbedienza che non facevano al caso nostro. Continuando le ricerche e chiedendo informazioni a professionisti del settore mi venne indicata un educatrice cinofila di Torino ad approccio cognitivo-relazionale. Dopo una chiacchierata al telefono, già molto esaustiva sul perché di alcuni problemi da me elencati, decisi di intraprendere un percorso di educazione con lei. Mi bastarono pochi incontri per capire che da li a poco la mia vita sarebbe cambiata radicalmente: più approfondivamo gli argomenti e più mi ritornavano in mente i momenti vissuti da bambina con gli animali, le emozioni che provavo quando interagivo con loro. Potevo, anzi dovevo imitare il mio cane, potevo giocarci per il solo piacere di farlo senza dovergli insegnare niente o ottenere cose da lui, imparavo ad ascoltarlo e non a comandarlo….insomma, tutte quelle cose che sentivo giuste, ma inibite per una vita da persone che ritenevano fossero sciocchezze.
Questa persona mi ha aperto al mondo di cui faccio parte oggi: entusiasta di poter trasmettere agli altri ciò che stavo imparando, volevo essere parte del cambiamento degli altri come qualcuno lo era stato per me.
 
Nel 2010 inizio il percorso di studi presso ThinkDog (una delle più accreditate scuole ad approccio cognitivo relazionale in Italia) per diplomarmi l’anno dopo con la qualifica di educatore cinofilo.
Nel 2011 fondo insieme ad altri soci BAULAB asd, in cui ricoprirò la carica di presidente e responsabile attività cinofile. Associazione nata con l’intento di promuovere una corretta cultura cinofila con il nuovo approccio cognitivo relazionale, ancora inesistente in molte parti d’Italia. Nome curioso BAULAB: "...cane, voce ai cani, abbaia, educazione, laboratori di apprendimento, bau....però sono piemontese...come si dice abbaia in piemontese? Baula! Mmmh ..... BAULAB!". Ecco l'origine del nome, un po' piemontese, un po' italiano, un po' internazionale, universale come vorrei che fosse il rispetto per tutti gli animali.
 
Nel 2011 arriva anche la piccola Maga, incrocio Border Collie che mi insegnerà tanto e mi aiuterà insieme a Nacho in questa appassionante impresa. Saranno anni intensi quelli a venire, fatti di trasferte per stage e seminari, studio per continuare a migliorarmi, volontariato in canile per fare esperienza, manifestazioni e incontri informativi per far conoscere l’associazione e l’innovativo approccio in tutta la provincia di Cuneo...e lavoro, perché bisogna pure continuare a lavorare per portare a casa la pagnotta, lavori che già facevano parte delle mie passioni (fotografo e guida di rafting), da integrare con gli impegni dell’associazione e i corsi di educazione cinofila per i soci.
 
Durante il corso educatori ci fecero fare un esercizio a cui non diedi molta importanza: ci chiesero di scrivere una breve storia, visualizzare nella nostra mente un’immagine, cosa per ognuno di noi significasse diventare educatore: io immaginai un prato verde, con l’erba alta, aria fresca, sole caldo e cielo azzurro, silenzio intorno, tranne il sibilo del vento tra le foglie degli alberi in lontananza, una persona e un cane che passeggiano insieme, la mano della persona che scivola sul guinzaglio e arriva al moschettone che tiene legato il cane, clack…uno sguardo di intesa, e poi liberi tutti e due, liberi di godersi la compagnia reciproca, liberi di essere ciò che si è, di fare ciò che si desidera, “sentirsi insieme anche a grande distanza, legati da un filo invisibile chiamato relazione”. Questo è ciò che scrissi, il mio sogno, la mia visione dell’educazione, ciò che avrei voluto insegnare e vedere nelle persone alla fine di un percorso educativo! In un pomeriggio d’estate del 2012, durante una passeggiata educativa in compagnia di alcuni proprietari e i loro cani, mi tornò in mente quel momento….in un istante compresi il valore di quell’esercizio e che quel sogno era diventato realtà!
 
Nel 2013, dopo aver accumulato esperienze per due anni, inizia il mio percorso in ThinkDog per diventare Istruttore Cinofilo in Riabilitazione Cognitivo Comportamentale: davanti a me altri anni di studi con relative tesi ed esami.
Nel 2014 arriva Makalù, cucciolona di 6 mesi di Terranova recuperata da una precedente adozione non andata a buon fine. Anche lei per le sue qualità mi aiuterà nelle classi di socializzazione e nella riabilitazione comportamentale.
Continuo a frequentare corsi e seminari al di fuori del percorso di studi, diventando Tecnico Prime Orme in Allevamento (qualifica che mi permette di collaborare con allevamenti per seguire le cucciolate dalla nascita all’adozione, stimolando una corretta socializzazione dei cuccioli) e successivamente Tecnico Attività Natatorie…che bello, finalmente le mie due grandi passioni unite, acqua e cani!
 
A fine 2014 la svolta lavorativa, mi rendo conto che la mia passione si è trasformata in un lavoro a tutti gli effetti, BAULAB asd (associazione sportiva dilettantistica) si tramuta in BAULAB Personal Dog Training di Stefania Strumia! Ebbene si, ecco un altro traguardo raggiunto, diventare libero professionista, avere un unico lavoro…Consulente e Istruttore cinofilo. Seguire cani quotidianamente mi permetterà di fare molto più velocemente esperienza ed acquisire tante abilità, questo si tradurrà in maggiore efficacia nel lavoro, risultati più rapidi e maggiore intuito nella percezione delle dinamiche comportamentali.
 
Nel 2015 vengo contattata dall'Enpa di Cuneo per tenere serate di formazione per le guardie zoofile. Su richiesta di associazioni culturali, privati e comuni organizzo corsi di sensibilizzazione al benessere del cane e serate culturali su temi specifici. Organizzo il primo corso per volontari di canile ad approccio cognitivo in provincia di Cuneo, in collaborazione con il rifugio La Cuccia di Cervasca. Continua la mia collaborazione con l'ASL 17, iniziata nel 2013, per il progetto "cani amici" nelle scuole di Savigliano e Cavallermaggiore, incontri rivolti alla conoscenza del cane, alla sensibilizzazione sull'abbandono e prevenzione del morso. Iniziano collaborazioni con le case di riposo di Savigliano, Genola e Cuneo con progetti di Pet Activity: l'obiettivo è stimolare gli ospiti delle strutture con incontri ludici di conoscenza e gioco con il cane. Nelle scuole elementari di Piasco continuano i corsi privati di Bambility.
 
Nel Gennaio 2016 mi viene a mancare una importante figura di riferimento, il mio papà. I suoi insegnamenti (impegno, dedizione e senso di responsabilità) mi aiutano a concludere ciò che avevo iniziato quasi tre anni prima: mi diplomo in Riabilitazione Cognitivo Comportamentale. Nello stesso anno insieme al mio supercane Nacho partecipiamo ai Campionati Italiani Attività Natatorie, e dopo 4 mesi di gare non proprio dietro l’angolo, a Settembre ci portiamo a casa il titolo di Campioni Italiani 2016.
 
Il 2017 passa in fretta tra il lavoro e il perfezionamento di ciò che ho studiato. A febbraio 2018 vengo contattata dalla Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università degli Studi di Parma, accettando l'incarico che mi viene proposto: divento Tutor per il tirocinio degli studenti  che frequentano il Master di Medicina Comportamentale Cognitivo Zooantropologica. 
 
Questi intensi anni di studio, lavoro ed esperienze non mi hanno solo portata a diventare un istruttore cinofilo specializzato, mi hanno arricchita e cambiata profondamente come persona: ho imparato ad essere "realmente" me stessa, ho imparato ad ascoltare e osservare il mondo che mi circonda, ho imparato a comunicare meglio, riesco a leggere meglio le mie emozioni e quelle degli altri, riesco a definire degli obiettivi e a raggiungerli…
Gli studi e le conoscenze sono fondamentali ma sono una parte del successo nella vita, l’altra parte che non può essere quantificata sta dentro di noi: energia, passione, sensibilità, empatia, amore, dedizione, sacrificio, umiltà, motivazione…tante parole per definire qualcosa di non misurabile, se non nei risultati che riesci a ottenere tutti i giorni. Dai ciò che ricevi….dice qualcuno. Io ho ricevuto molto e spero di poter dare altrettanto, aiutando le persone e i loro cani attraverso il mio lavoro.
 
Il mio motto? “Sapere, saper fare, essere!”….la formula perfetta tra competenze, esperienza e consapevolezza di se!
 

LE MIE QUALIFICHE

Educatore Cinofilo
Istruttore Cinofilo in Riabilitazione Cognitivo Comportamentale
Istruttore Cinofilo in Classi di Socializzazione e Gruppi di Pratica
Tecnico Buon Cittadino a 4 Zampe
Tecnico Mobility Dog
Tecnico Prime Orme (Puppy Expert Operator)
Tecnico Prime Orme in Allevamento
Tecnico Bambility
Tecnico Attività Natatorie

CURRICULUM COMPLETO

 



Condividi su:

CHi Siamo

Il mio staff

Stefania

Nacho

Maga

Makalù